Fuori dal bosco, forum del Corriere della Sera a Rogoredo

fuori dal bosco

Si è svolto questa mattina questa mattina alla stazione di Rogoredo “Fuori dal bosco“, il forum pubblico promosso dal Corriere della Sera con la partecipazione di Prefetto Renato Saccone, Prefetto di Milano, Attilio Fontana, Presidente di Regione Lombardia,Don Gino Rigoldi e Giulio Gallera, assessore al Welfare di Regione Lombardia.

Noi non vogliamo contare i morti per overdose. Noi abbiamo un obiettivo alto. Non enfatizziamo i risultati ottenuti ma pensiamo che quella avviata sia la strada giusta” ha esordito il Prefetto Renato Saccone, ribadendo che “alla complessità del problema si risponde con la coralità” e ricordando le azioni di “controllo, rigenerazione e riqualificazione della zona e attività sanitaria con l’avvio di percorsi di recupero” tra le risposte al problema.

Non solo repressione, ma anche e soprattutto prevenzione e ascolto. Ho sempre considerato fondamentale l’azione che le Forze dell’Ordine svolgono quotidianamente attraverso un lavoro straordinario per contrastare il fenomeno. E’ chiaro ed evidente però che per un serio contrasto alla droga occorre anche una visione preventiva, che faccia comprendere ai giovani la tragicità della tossicodipendenza“. Questo invece in sintesi il pensiero espresso dal presidente della Regione Lombardia Attilio “Ritengo fondamentale – ha concluso il presidente Fontana – fornire un supporto psicologico a chi è caduto in questa tragica condizione, proprio per agire direttamente su chi fa uso di sostanze stupefacenti“.

Progetto Rogoredo, l’unione fa la forza contro il consumo e lo spaccio di stupefacenti. Il primo bilancio, dopo un mese di attività, racconta di oltre 500 contatti ogni settimana, 150 interventi di carattere sanitario di media intensità, due dei quali salvavita a seguito di overdose. Sei ragazzi hanno avviato un percorso di recupero in comunità, altri 30 sono pronti a farlo“. E’ quanto scritto sulla sua bacheca Facebook dall’Assessore Giulio Gallera al termine dell’incontro, concludendo “C’è il sole che splende fuori dal tunnel della droga, proseguiremo su questa strada anche in altre aree a rischio della Lombardia“.

Il problema dello spaccio a Rogoredo “va risolto e affrontato definitivamente e non ‘spostato'”: è la richiesta alle istituzioni ribadita stamane dal Comitato “Basta Spaccio” i cui rappresentati hanno mostrato uno striscione con la scritta “Nulla è cambiato – Basta spaccio“. “Il problema dal Boschetto si è spostato nel quartiere, soprattutto in via Toledo – ha spiegato Laura Cerutti –chiediamo presidi h24 e che il problema venga affrontato e risolto defintimamente“.