Aggredita perché legge “Mafia nigeriana”

Albanese machete controllo stupefacenti bosniaca marocchini spara volante polizia prostituzione due anziani Spari

L’episodio è stato denunciato dalla leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. Un’aggressione a una donna colpevole di avere in mano la copia di un libro scritto dalla stessa Meloni: “Botte, insulti, minacce: così un nigeriano ha pestato una donna italiana in metropolitana a Roma perché “colpevole” di leggere “Mafia Nigeriana”. Assurdo che il delinquente sia stato subito rilasciato. Solidarietà e auguri di pronta guarigione alla signora aggredita. Finora la mafia nigeriana ha potuto contare sull’omertà e sul silenzio dei media e della politica ma ora grazie a Fratelli d’Italia non è più così. Non daremo scampo a questi criminali e continueremo a batterci in ogni sede per fermare ogni mafia in Italia, compresa quella nigeriana che tanto imbarazza i buonisti”. Il tema, cuore di molti interventi della destra, è stato spesso ignorato o minimizzato da politici e media mainstream. Eppure è un fatto che le mafie africane abbiano avuto un ruolo fondamentale nel rialimentare il traffico di eroina e della prostituzione in Italia. Oltre che siano tra i principali attori della tratta dei migranti che sfruttano in molti casi.