Attivisti ‘No Big Ships’ contro il decreto navi da crociera a Venezia

Attivisti contrari alle navi da crociera a Venezia cercano un incontro con il governo per sostenere che la sua ultima proposta di reindirizzare le grandi navi lontano da Piazza San Marco non affronta le pressanti preoccupazioni ambientali sulla fragile laguna veneziana.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato questa settimana un decreto che chiede una gara pubblica di idee per creare un nuovo porto di attracco “al di fuori delle acque protette della laguna”.

Il ministro della Cultura Dario Franceschini ha affermato che il decreto affronta le preoccupazioni dell’UNESCO di lunga data e stabilisce che le navi da carico e da crociera di dimensioni superiori a 40.000 tonnellate devono attraccare fuori dalla laguna.

Sebbene non sia articolato nel decreto, il piano temporaneo prevede che le grandi navi utilizzino il porto di Marghera sulla terraferma italiana fino a quando non verrà trovata e implementata una soluzione definitiva, un processo potenzialmente lungo di anni.

“Chi è stato a Venezia in questi anni, italiano o straniero, è rimasto sconvolto nel vedere queste navi – lunghe centinaia di metri e alte come un condominio – passare da luoghi fragili come il Canale della Giudecca o davanti a Piazza San Marco”, Ha detto Franceschini.

Ha definito il decreto un modo “molto importante” per trovare una nuova soluzione definitiva.

Ma il Comitato No Big Ships, una coalizione di attivisti, ha detto che il porto di Marghera fa ancora parte della laguna veneziana e quindi va bocciato anche come soluzione temporanea. La nuova rotta prevista porterebbe le navi oltre la coda del Lido per poi abbracciare la terraferma attraverso il Canale dell’Olio, lontano dal centro storico di Venezia ma sempre in laguna e fino a Marghera.

“È certamente un sollievo sentire il governo affermare finalmente la sua intenzione di tenere le grandi navi fuori dalla laguna e impedire loro di avvicinarsi a Venezia”, ​​ha detto Jane da Mosto del gruppo We Are Here Venice, che fa parte di la coalizione No Big Ships.

“Ma il piano provvisorio ‘temporaneo’ per portare a Marghera grandi navi da crociera non proteggerà la laguna”, ha detto in una e-mail. “Questa nuova rotta danneggerà ancora il suo fragile ecosistema, con inevitabili effetti a catena negativi”.

La questione ribolle a Venezia da anni. La fragile città lagunare dipende dal turismo, anche se la pandemia di coronavirus ha inferto un duro colpo a quell’industria nell’ultimo anno. Ma gli oppositori del turismo delle navi da crociera affermano che le navi sono fuori scala per Venezia, causano inquinamento, minacciano l’ecosistema della laguna e sono un pericolo. A sostegno delle loro affermazioni, citano lo schianto del 2019 di una nave da crociera sul principale Canale della Giudecca di Venezia che ha ferito cinque persone.

Il Comitato No Big Ships ha detto che sta cercando un incontro con il governo per sostenere che la rotta del Canale del Petrolio per Marghera “non è praticabile”.

“Qualsiasi soluzione temporanea deve essere rifiutata perché il rischio è troppo alto che diventi definitiva”, ha twittato il gruppo.