Grandi (Verdi): “Scorpacciata per il virus sulla 95”

Grandi (Verdi): “Scorpacciata per il virus sulla 95”. Le foto delle metropolitane piene di persone ammassate avevano sollevato molte polemiche nelle scorse settimane, ma la situazione è oggettivamente molto difficile: ad esempio, si possono mettere i segnaposti nei vagoni come fatto da Atm, ma le persone possono non rispettarli.  Grandi questa volta ha postato su Facebook una foto dell’assembramento su un autobus. Tra l’altro il tema è proprio quello degli orari di punta sul quale Elena Grandi, coportavoce nazionale dei Verdi, prova a proporre la soluzione del partito ambientalista: “La 95 oggi alle 14.30. Nella stessa condizione la 44, la 40, la MM1 e altre linee di superficie e della metropolitana. Il virus si fa una scorpacciata. Questa è Milano. Ma la situazione è la stessa in tutte le nostre grandi città. Proposte per l’immediato, emergenziali, se vogliamo evitare il lockdown totale: taxi a 2 euro per tutti. Bus turistici che partano dalle stazioni ferroviarie. Proposte per l’immediato ma strutturali: un piano di potenziamento del trasporto pubblico, del sistema ferroviario, della mobilità sostenibile. Servono soldi? Certo. Subito: per l’emergenza e per il piano strutturale. Se consentiremo al nostro paese di continuare a lavorare, e di farlo in sicurezza, saranno i soldi meglio spesi”. La velocità però non sembra la caratteristica dell’attuale politica lombarda. Una classe dirigente devastata dal Covid 19 e dalle sue conseguenze potrebbe non avere le energie per affrontare le ondate di virus che sono previdibili e previste: la prossima dovrebbe essere verso febbraio e secondo alcuni varrebbe la pena organizzarsi direttamente per quella, visto che quella attuale è già sfuggita di mano. Ritardi, inefficienze e impreparazione generale del sistema si notano ovunque, anche dalle denunce di Grandi(Verdi): “Scorpacciata per il virus sulla 95”. Denunce a cui seguono anche proposte pratiche da cui potrebbero prendere spunto sia il Comune che Regione Lombardia.