Carnevale, secondo anno senza parata dei carri

Raccolta fondi per l'emergenza covid-19

Per il secondo anno di fila il Comune di Milano cancella la tradizionale parata dei carri allegorici che si è sempre svolta nel centro città. La scusa è la solita: motivi di sicurezza. La stessa che viene usata per il ridimensionamento del numero delle feste di via per cui agli organizzatori vengono chiesti costi esorbitanti. Gli stessi motivi di sicurezza non valevano anche per la manifestazione di sabato? La sicurezza è importante solo quando fa comodo a loro.” A segnalarlo è Alessandro de Chirico, Consigliere Comunale di Forza Italia.

Fortunatamente – continua De Chirico – per volontà di associazioni culturali e di commercianti, ci saranno feste dedicate ai bambini sparsi in tutta la città, come peraltro accadeva in passato. Le feste nei Municipi, in linea di principio, non escluderebbe una grande festa in centro. Come si organizzano le tante week, si potrebbe pensare a una settimana del Carnevale meneghino. Non si capisce perché il sindaco Sala, che tanto ci tiene all’immagine sua e di Milano, non investa sul marketing anche per valorizzare la tradizione ambrosiana che potrebbe attrarre turismo e quindi benefici per le imprese milanesi“.

Meneghino e Cecca – conclude l’azzurro – maschere della Commedia dell’Arte, sono tra i simboli più famosi della città di Milano insieme a panettone, bocche di drago, tram gamba de legn e ovviamente alla Madunnina, alla quale ci rivolgiamo per chiedere che vengano salvate la nostra cultura e la nostra storia fatte anche di usi e costumi”.