I Giudici di Pace temono di essere contagiati dai migranti

Raccolta fondi per l'emergenza covid-19

I Giudici di Pace temono di essere contagiati dai migranti“La pericolosità di un contagio” da Coronavirus è “tangibile durante le udienze celebrate dai Giudici di Pace” per la “convalida delle espulsioni di migranti clandestini, che si tengono nei Centri di permanenza e rimpatrio” e cioè di chi ha “violato l’ordine di allontanamento dal territorio dello Stato od anche per i reati di clandestinità“. Perciò l’Associazione nazionale giudici di pace chiede con urgenza al “governo e alle autorità competenti“, con una nota, misure idonee per la loro tutela.

L’Unione Nazionale dei Giudici di Pace ha chiesto ai ministeri di Giustizia e Salute che “siano fornite maschere idonee a schermarsi da eventuali contagi, previa autorizzazione all’uso durante l’udienza” e “che siano apprestate immediatamente le tutele relative alle indennità di malattia e di rischio e per i giudici di pace e i magistrati onorari che si trovano in medesime situazioni“.

ANSA