Gli autonomi attaccano anche Sala - Osservatore Meneghino

Gli autonomi attaccano anche Sala

Gli autonomi attaccano anche Sala“Fontana assassino, Sala zerbino” è la grande scritta in bianco apparsa sul muro di un sottopasso nella zona sud dei Navigli, fra via Chiesa Rossa, sotto al cavalcavia Schiavoni. La scritta, notata dalle volanti, non è la prima nei confronti del governatore Attilio Fontana, per cui la prefettura di Varese ha deciso la scorta. Una inchiesta è stata aperta su altre scritte ‘Fontana assassino’ rivendicate dai Carc.

Proprio oggi i Carc scenderanno in piazza alle 16 per la manifestazione organizzata davanti ad Assolombarda dal Patto d’Azione per un fronte anticapitalista. “Solidarietà al presidente Fontana per le inaccettabili minacce e al sindaco Sala per le offese altrettanto ignobili” ha scritto in un comunicato la segretaria metropolitana del Pd Silvia Roggiani.

Sarebbero stati una ventina di giovani appartenenti a centri sociali il murale lungo circa venti metri con una scritta “Fontana Assassino Sala Zerbino” apparso già questa notte sotto un cavalcavia in via Chiesa Rossa, alla periferia della Città. Dalle prime analisi delle indagini per minacce e diffamazione delegate alla Digos da Alberto Nobili, il responsabile dell’antiterrorismo milanese, accanto alla scritta c’è un simbolo particolare attribuibile ai centri sociali dell’area Sud di Milano.

ANSA