Bicocca, ancora fumata nera per il rettore

Si è tenuta oggi la terza votazione per l’elezione del rettore dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca per il mandato 2019-2025. La prossima votazione si terrà l’11 giugno con il sistema del ballottaggio tra i due candidati che hanno ottenuto il maggior numero dei voti: Paolo Cherubini e Giovanna Iannantuoni. I votanti sono stati 1270, con un’affluenza del 74,6 per cento.

Questi i voti raccolti dai cinque candidati:

 Paolo Cherubini: 388,45

Carlo Gambacorti Passerini: 0,30

Loredana Garlati: 2,45

Giovanna Iannantuoni: 424,90

Leonida Miglio: 14,65

Per quanto riguarda le maggioranze necessarie per l’elezione, lo Statuto dell’Università prevede fino a quattro votazioni: alla prima e alla seconda è eletto il candidato che ottiene la maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto. Nella terza votazione il rettore è eletto a maggioranza assoluta dei votanti, purché abbia partecipato la maggioranza degli aventi diritto, mentre nella quarta è previsto il ballottaggio tra i due candidati che abbiano ottenuto il maggior numero di preferenze alla terza votazione. Alla prima, alla seconda e alla quarta votazione, per essere valide, deve aver preso parte almeno un terzo degli aventi diritto.

L’elettorato attivo spetta a tutti i professori, ai ricercatori, a tutto il personale tecnico-amministrativo a tempo indeterminato con voto ponderato del 15 per cento e ai rappresentanti degli studenti eletti in Senato Accademico, Consiglio di Amministrazione, Nucleo di Valutazione e Consiglio degli Studenti.

Per lo svolgimento delle operazioni di voto sono stati allestiti cinque seggi, quattro presso la sede di Milano e uno presso il Polo di Monza. Oggi si è votato dalle 9.30 alle 16.30.

Nata nel 1998, l’Università di Milano-Bicocca è un ateneo multidisciplinare con un’offerta didattica articolata in 70 corsi di studio, tra corsi triennali e magistrali, distribuiti in sette diverse aree disciplinari: economico-statistica, giuridica, medica, psicologica, sociologica, scientifica e della formazione. Gli studenti iscritti sono oltre 33 mila.