Via Adriano, Sardone-Piscina: "Fermi i lavori per i servizi per la comunità" - Osservatore Meneghino

Via Adriano, Sardone-Piscina: “Fermi i lavori per i servizi per la comunità”

Via Adriano, Sardone-Piscina: “Fermi i lavori per i servizi per la comunità”. “Il recupero della struttura abbandonata in Via Adriano procede, seppur a rilento, ma solo per la parte della residenza sanitaria per anziani e non per la parte pubblica, per il quartiere, prevista nella convenzione. Nel 2017 infatti il Comune di Milano – commentano Silvia Sardone, eurodeputata e consigliere comunale della Lega e Samuele Piscina, presidente del Municipio 2 – firmò la convenzione con l’operatore Proges che prevedeva oltre alla Residenza per anziani, un centro diurno per anziani, alloggi protetti per anziani, persone con disabilità, ambulatori medici, una caffetteria, uffici e spazi espositivi. Sul lato via Tremelloni l’accordo prevedeva anche un auditorium per la cittadinanza e una casa medica che avrebbe dovuto applicare tariffe agevolate ai residenti nel Comune di Milano, in particolare a quelli residenti nel Municipio 2. Come facilmente riscontrabile sul sito del Comune di Milano, i lavori dovevano finire all’inizio del 2019.  Noi ringraziamo il privato che si sta prendendo cura di riqualificare un’area che era fortemente degradata, dove purtroppo c’è stato uno stupro negli anni scorsi. Comprendiamo che stia sviluppando più la parte della Rsa per avere un tornaconto dal punto di vista economico. Ma ci tocca segnalare che i lavori legati ai servizi per la comunità sono completamente fermi. Addirittura siamo venuti a conoscenza che l’operatore ha presentato un progetto di cofinanziamento a Fondazione Cariplo per realizzare i servizi legati al punto di comunità, prospettando l’apertura in tempi diversi. In questo contesto è evidente che mentre la Rsa aprirà, non si sa nemmeno quando inizieranno i lavori della parte per il pubblico. Il Comune dorme colpevolmente: la convenzione è chiarissima e non viene fatta rispettare. Gli abitanti del quartiere Adriano si aspettavano servizi per il quartiere e un’area riqualificata per tutti. Così si erano esposti in più occasione gli assessori della giunta Sala. Ma anche in questo caso, come in moltissime altre occasioni, alle promesse non seguono i fatti. Il Comune si svegli e si metta a lavorare affinchè il quartiere Adriano abbia l’auditorium e gli altri servizi destinati alla cittadinanza previsti!”