Sospetto Covid in scuola a Crema, Degli Angeli (M5S): “Regione incapace”

Foto di klimkin da Pixabay

Sospetto Covid in scuola a Crema, Degli Angeli (M5S): “Regione incapace”. “L’incapacità di regione Lombardia di gestire l’emergenza sanitaria la si vede anche nei più piccoli particolari, che poi piccoli non sono”. Sono le parole  del consigliere pentastellato di regione Lombardia Marco Degli Angeli che, sulla questione della scuola Iside Franceschini di Crema, non le manda a dire. “Un bambino ha avuto la febbre e tutta la classe è rimasta a casa. Il nocciolo della questione – spiega Degli Angeli – riguarda l’attivazione del protocollo”. Questione di sicurezza, e soprattuto di non aver saputo definire le linee guida nei tempi giusti. Se infatti le linee ministeriali del 28 agosto prevedono che a seguito di segnalazione del pediatra, e solo in caso di test positivo, si notifica il caso e si avvia la ricerca dei contatti e le azioni di sanificazione straordinaria della struttura scolastica nella sua parte interessata”. “Peccato che però – precisa Degli Angeli – le indicazioni emesse prontamente dal ministero della Sanità  non fanno i conti con il fatto che, in Lombardia, i tempi tra l’esecuzione di un tampone e l’esito sono estremamente lunghi. La  conseguenza – spiega – è che un’intera classe di bambini con i relativi genitori sono costretti a rimanere in casa e nel dubbio per l’incapacità di questa regione di gestire in giornata l’esecuzione e dare il risultato dei test. Il punto di Degli Angeli riguarda il fatto che “regione Lombardia deve chiarire il prima possibile le procedure corrette a cui attenersi e velocizzare i tempi di processamento dei tamponi per non lasciare nel limbo per un’ intera classe e le rispettive famiglie per giorni interi. Inoltre – conclude Degli Angeli – quello che manca è una linea dedicata nei laboratori alla processazione dei tamponi provenienti dalle scuole. Mi chiedo cosa finora abbia fatto Regione per le scuole e la salute dei nostri ragazzi oltre a polemizzare con anodina demagogia contro il governo e il ministro Azzolina