Viale Argonne, Cagnolati: “No all’eliminazione di 300 posti auto”

Viale Argonne, Cagnolati: “No all’eliminazione di 300 posti auto”. Marco Cagnolati, consigliere di Municipio 3 in quota Forza Italia, ha preso carta e penna e scritto all’Amministrazione comunale per contestare questa decisione: “In questi giorni proseguono i lavori di realizzazione della M4 e della sistemazione superficiale di Viale Argonne. Anche qui, come avvenuto in C.so Buenos Aires però l’amministrazione comunale sembrerebbe perpetrare una lotta senza fine nei confronti di auto ed automobilisti. Fino a poco tempo fa infatti Viale Argonne era un bel viale, con giardini, piste ciclabili, comodi parcheggi e carreggiate ampie che consentivano un rapido deflusso del traffico, ora invece con il restringimento del viale, l’allargamento di marciapiedi in corrispondenza di quasi tutti gli incroci e la chiusura della maggior parte di strade che consentivano l’attraversamento del viale si formano costantemente ingorghi, i tempi di percorrenza ed il traffico sono più che raddoppiati, così come l’inquinamento prodotto dai veicoli in transito. E questa doveva essere la “svolta Green” tanto promossa e decantata da questa amministrazione ???!!!??? Si prevede l’eliminazione dei parcheggi a lisca di pesce sui parterre (almeno 300 posti in meno su 2 lati dell’aiuola), e la riduzione delle carreggiate porterà, come d’altronde sta accadendo anche adesso, ad Inevitabili e congestionamento del traffico. Prima di cancellare dei posti auto sia temporaneamente (a causa di lavori o cantieri) che definitivamente (come avverrà al termine di questa “riqualificazione”) occorre approntare delle valide alternative in favore dei residenti. Chiedo quindi che venga modificato il progetto urgentemente in modo tale che venga GARANTITA la sosta dei veicoli in egual numero rispetto alla data di inizio lavori e nel frattempo che la disciplina della sosta, laddove possibile in tutte le vie limitrofe, venga modificata a lisca di pesce in modo tale da raddoppiare il numero di posti auto disponibili e che vengano attuate convenzioni con i parcheggi esistenti in zona in favore dei residenti. Insomma che vengano fornite delle valide alternative in modo tale che chi abita in quei luoghi non impazzisca per trovare posto per il proprio veicolo o solamente per transitare magari per raggiungere il luogo di lavoro o recarsi ad una visita medica urgente. Attualmente infatti vi ricordo che l’unico risultato che si è riusciti ad ottenere è il congestionamento del traffico, con il raddoppio di smog, inquinamento e sosta irregolare, forse un nuovo modo per far cassa mediante multe e sanzioni ???!!!??? Chiedo che venga dato corso e riscontro a quanto richiesto”.