Ressa al Casoretto. Sardone: Sala si sveglia sempre in ritardo

Ressa al Casoretto. Sardone: Sala si sveglia sempre in ritardo

Ressa al Casoretto. Sardone: Sala si sveglia sempre in ritardoCome per le polemiche sulla folla dei Navigli, anche per gli assembramenti sotto casa di Silvia Romano il sindaco Sala si è svegliato in ritardo” commenta l’Europarlamentare della Lega Silvia Sardone, chiedendosi, “Non era forse prevedibile che ci fossero centinaia di giornalisti, amici, curiosi?” e “Era così difficile impiegare gli agenti della Polizia Locale per far rispettare il distanziamento sociale imposto per decreto?“.

Sala come sempre subisce gli eventi per poi lamentarsi a posteriori – aggiunge la Sardone – Un atteggiamento schizofrenico e inconcepibile perché gli strumenti per evitare situazioni del genere ci sono e si chiamano vigili. Personale che dovrebbe essere valorizzato e non costantemente umiliato, messo in ferie, in smart working o segregato negli uffici a sbrigare pratiche amministrative. Gli agenti, a maggior ragione in questa fase d’emergenza, dovrebbero stare tutto il giorno per le strade, nelle piazze, nei parchi, nei luoghi della città più frequentati“.

E’ chiaro che il Corpo della Polizia Locale conta poco per la sinistra, visto che vogliono impiegare volontari e pensionati: un controsenso inaccettabile. Ricordo al sindaco Sala e a tutta la sua giunta – conclude la Sardone – che settimana scorsa sono stati multati dei commercianti in crisi che protestavano pacificamente, con mascherina e ben distanziati. Poi è inutile parlare di assembramenti di serie A e serie B…“.