Sopralluogo del PD in via Bolla

Raccolta fondi per l'emergenza covid-19

Sopralluogo del PD in via Bolla

Si è svolto ieri in via Bolla un sopralluogo del Gruppo Consiliare regionale del PD, avente lo scopo di evidenziare la mancata riqualificazione degli alloggi di edilizia popolare della zona da parte della Regione e di Aler. Presenti fra gli altri Il Consigliere Fabio Pizzul, la Consigliera Carmela Rozza, la segretaria del Pd Milano Metropolitana Silvia Roggiani e l’assessore del Municipio 8 Fabio Galesi.

Fra le criticità segnalate: gli alloggi occupati abusivamente, gli allacci abusivi ai contatori della corrente elettrica degli appartamenti assegnati regolarmente, gli impianti elettrici non a norma che mettono a rischio la sicurezza dei cittadini. “Al civico 38 – ha sottolineato Carmela Rozza – su 5 piani e 40 appartamenti, sono tutti abusivi tranne 8 famiglie”, aggiungendo, “Non si può lasciare qui la gente per bene da sola”. La Rozza ha anche ricordato che nel 2018 in Consiglio Regionale si era deciso di abbattere e ricostruire i caseggiati di via Bolla, ricollocando gli inquilini regolari in altri alloggi disponibili, cosa  non ancora avvenuta.

L’Assessore Regionale alle Politiche sociali, abitative e Disabilita’ Stefano Bolognini, ha in seguito replicato, “Grazie ad un Accordo di programma sottoscritto tra la Regione Lombardia e il ministro delle Infrastrutture, da mesi stiamo lavorando ad un progetto per la rigenerazione delle aree di via Bolla e di via Gola, insieme al Comune di Milano, a Cassa Depositi e Prestiti e ad Aler. Si tratta di un impegno importante da parte della Regione Lombardia, che porterà finalmente a riqualificare completamente le due aree in oggetto. Gli immobili verranno poi, una volta conclusi gli interventi, assegnati alle famiglie che ne hanno diritto, mentre gli occupanti abusivi saranno allontanati”. Per quanto riguarda invece gli allacciamenti abusivi, Bolognini ha fatto sapere di avere segnalato la questione alla Prefettura e di essere in attesa di un intervento dell’autorità giudiziaria.