Federalberghi: “Grave errore rinviare prenotazioni”

Federalberghi: “Grave errore rinviare prenotazioni”. L’affermazione arriva dall’associazione degli imprenditori dell’ospitalità che risponde a un’intervista della presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen. La politica, in un’intervista al domenicale della Bild, ha consigliato di aspettare a prenotare le vacanze estive. Un’affermazione che ha causato l’immediata reazione degli albergatori. In particolare Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi, invita “a non commettere questo grave errore”. “Se le persone ritarderanno le prenotazioni – dice Bocca – le imprese e i posti di lavoro si squaglieranno come neve al sole.”  “Gli albergatori italiani – prosegue Bocca – offrono a tutti la possibilità di prenotare senza mettere a rischio le esigenze di sicurezza, grazie alla possibilità di cambiare il proprio programma di viaggio qualora la situazione lo richieda.” “Chiamate l’hotel – conclude il presidente degli albergatori italiani – e chiedete una prenotazione flessibile, che consenta la possibilità di cambiare la data. Keep calm e #cambialadata #changethedate è lo slogan che suggeriamo a tutti i nostri ospiti.” La preoccupazione di Federalberghi è causata dal crollo già avvenuto delle prenotazioni di turisti e uomini d’affari. Una prospettiva futura già nerissima su cui il governo nazionale sta lavorando puntando in particolare sul turismo di prossimità, per riavviare i flussi, ma senza eccedere nelle distanze. Una soluzione, anche se non sembra particolarmente efficace, perché buona parte degli italiani identifica le vacanze con il mare, ma in tantissimi non sono affatto vicini al mare. Gli stessi lombardi se si riversassero in Liguria come al solito troverebbero infrastrutture crollare oltre alle restrizioni dovute al Covid19 e si sa quanto siano importanti le vacanze per gli italiani. Per questo intanto arriva l’annuncio di Federalberghi: “Grave errore rinviare prenotazioni”.