Mercato Centrale Milano, Piscina (Lega): Sala si prende i meriti dei privati

Mercato Centrale Milano, Piscina (Lega): Sala si prende i meriti dei privati“Dobbiamo unicamente ringraziare i privati tra i quali GS Retail e a Mercato Centrale se si sta muovendo qualcosa attorno alla Stazione Centrale”, è il commento di Samuele Piscina, Presidente del Municipio 2 all’evento di presentazione di “Mercato Centrale Milano” alla quale hanno preso parte anche l’Assessore Maran e il Sindaco Sala. “Con grandi sforzi, – aggiunge – questi imprenditori stanno portando avanti la lenta riqualificazione dei magazzini raccordati e avviando nuove attività in un quartiere completamente abbandonato dall’amministrazione comunale”.

“Eloquente è stato l’intervento di uno dei principali attori di piazza Duca D’Aosta, – spiega Piscina – il direttore dell’Hotel Gallia, un’istituzione della nostra città, che ha evidenziato come il Comune non stia minimante gestendo i problemi di sicurezza pubblica e di contrasto al degrado, con la totale assenza di interventi da parte della Polizia Locale. Problema accennato anche da Alberto Baldan, CEO di Grandi Stazioni Retail, che ha evidenziato gli sforzi che i privati stanno compiendo per rendere più attrattiva la principale porta d’ingresso della nostra città, contrastando una situazione esterna imbarazzante. Risultato: nessuna risposta sodisfacente giunta dall’amministrazione comunale se non un evidente imbarazzo e ammissione che i problemi rimangono“.

“Comune non pervenuto neanche sulla riqualificazione delle vie Sammartini e Ferrante Aporti che, – continua – come aveva richiesto il Municipio 2, avrebbe portato a un decoro ormai dimenticato nel quartiere e a un più rapido recupero dei magazzini, rendendoli più appetibili agli investitori. Anche l’ex mercato del pesce, nonostante le numerose promesse, rimane ancora pericolante dopo l’incendio causato la scorsa estate dagli occupanti abusivi”.

“È stato davvero imbarazzante vedere il Sindaco Sala e l’Assessore Maran fare l’ennesima passerella per tentare di far passare i successi degli investitori privati come se fossero quelli del Comune. Conclude il Presidente leghista Siamo alle solite e Milano si dimostra ancora una volta a 2 velocità: quella dei privati va velocemente e produce, mentre quella comunale ha inserito la retromarcia e brancola nel buio. Ancora una volta è evidente l’inadeguatezza dell’amministrazione targata PD che non solo non affronta i problemi e vive di rendita dei progetti portati avanti dalle amministrazioni di centrodestra, ma abbandona gli investitori privati per poi presentarsi alle passerelle accaparrandosi i meriti di ciò per il quale non ha mosso un dito. E intanto la Stazione Centrale continua a essere un ricettacolo di delinquenza e degrado”.