Un governo della truffa?

Un governo della truffa? La prima foto ufficiale del governo draghi è stata scattata di fronte a un arazzo nella Sala dei Corazzieri, grande ambiente interno del Quirinale dove sono esposti alcuni magnifici arazzi. Tra questi ci sono alcune avventure di Don Chisciotte, il surreale eroe letterario. E L’arazzo davanti al quale si sono fermati “i migliori” scelti da Draghi riprende proprio una di quelle scene che sta spopolando su social come Reddit: è l’episodio della testa incantata durante il quale due furbacchioni cercano di convincere Don Chisciotte e Sancio Panza che una testa scolpita abbia poteri magici. Un tentativo di truffa dunque da “mille scudi”, il prezzo della testa secondo i due truffatori, alle spalle del governo dei “migliori”. Non sembra proprio un buon auspicio per chi è chiamato alla non semplice impresa di salvare la nazione da sè stessa. Sicuramente il tema della comunicazione sta cambiando, per la gioia di molti giornalisti parlamentari non al passo con i tempi. Tornare a parlare senza canali disintermediati aumenta l’importanza chi quei canali se li è creati nei Palazzi e la loro forza con il mondo fuori, non è un caso che l’arazzo scelto per la foto del governo Draghi sia stata notata da chi scrive fuori dal giro degli amici dei politici. Perché c’è un mondo fuori a cui la storia del governo dei migliori non ha mai convinto. La gente aspetta di vedere cosa farà praticamente l’uomo della Provvidenza (o provvidenza quirinalizia in questo caso) prima di adeguarsi al nuovo lecchinaggio totale a cui sono piegati tutti i media. E intanto si chiede: è un governo della truffa? Perché dalla scelta degli arazzi a quelle sugli impianti di risalita, non sembra partito benissimo.