Aggrediscono cameriere e agenti, in un'intera famiglia in manette

Aggrediscono cameriere e agenti, in un’intera famiglia in manette

rissa un'intera famigliaUn’intera famiglia è stata fermata dalla polizia dopo aver aggredito un cameriere di un locale in corso Garibaldi 104, e aver danneggiato l’interno del bar al culmine di una lite scoppiata dopo ore di provocazioni gratuite.

Una donna di 40 anni e sua figlia di 23 sono state arrestate per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale (un agente che nel tentativo di bloccarle ha riportato contusioni giudicate guaribili in 5 giorni) mentre il figlio di 17 anni è stato denunciato e il tribunale ha disposto il suo affidamento. Secondo quanto denunciato dai presenti, la famigliola si è seduta ai tavolini del bar attorno alla scorsa mezzanotte e mezza e da subito ha iniziato a essere molesta nei confronti degli altri clienti. In particolare i testimoni hanno detto di aver avuto l’impressione che stessero cercando un pretesto per litigare.

Alle 2 il cameriere si è avvicinato per avvertire che il locale era in chiusura e il 17enne lo ha colpito con una manata al volto. Il dipendente è rientrato per chiedere aiuto e in quel momento sono arrivati i tre clienti che hanno infranto bottiglie e altre suppellettili. Neppure l’arrivo di due volanti della polizia eè servito per calmare i tre, che sono stati bloccati solo grazie all’uso dello spray al peperoncino. I tre italiani, che hanno precedenti specifici e vivono a Milano, non hanno spiegato il motivo del loro comportamento.

ANSA