NoLo, aggredita consigliera municipale

NoLo, aggredita consigliera municipale. Lo sfogo è arrivato via Facebook, dove Francesca Testa, consigliere del Municipio 4, ha postato le foto con tanto di impacchi post aggressione. Sarebbero stati dei sudamericani infastiditi dalle richieste di spegnere il motore dell’auto: “Aggrediti da dei sudamericani…perché chiedevamo solo di spegnere il motore inquinante della macchina…in via della Torre…Risposta loro dal nulla: Noi facciamo quello che vogliamo! Noi siamo qui perché voi non fate certi lavori! Ringraziateci! Certo e mi faccio pure pestare! Grazie integrazione“.

Così lei e due malcapitati che hanno solo chiesto un comportamento più rispettoso dell’ambiente si sono visti aggredire da questi personaggi che bene hanno imparato la retorica di quanto siano importanti: gli immigrati servono per pagare i contributi e per fare i lavori che gli italiani non vogliono più fare, e via dicendo. Tutte idee che sono state ben acquisite e ora vengono usate contro gli stessi italiani che poi il lavoro lo danno proprio agli immigrati che però si sentono protetti da una certa retorica.

Persino una donna ha partecipato all’aggressione della consigliera, una delle migliaia che girano per Milano ma vengono notate meno degli africani perché di bassa statura e con una pigmentazione più simile a quella mediterranee. Un piccolo esercito sempre più numeroso e molto più inserito nella società: quanti hanno una badante o una donna delle pulizie sudamericana? A Segnano ce n’è una che ha deciso di prendere in gestione i parcheggi di un condominio grazie alla collaborazione di esponenti della sinistra di zona: ora pretendono di gestirli e chiedono anche i soldi ai condomini, ma la polizia locale dice di non poter far nulla in quanto trattasi di terreno privato. I cittadini dunque cosa dovrebbero fare? Sparare? Prima o poi ci arriveremo probabilmente, perché se le forze dell’ordine tutelano solo gli stranieri e gli italiani vengono o picchiati o derubati dei diritti di parcheggiare a casa loro…