Urbanistica tattica a NoLo: partono i lavori e le contestazioni

Urbanistica tattica a NoLo: partono i lavori e le contestazioni. L’annuncio su Facebook lo ha dato Pierfrancesco Maran, assessore all’Urbanistica del Comune: “Lavori in corso tra Via Venini e Via Spoleto che tra dieci giorni diventerà una nuova piazza (chissà forse bisognerà anche trovargli un nome). È una richiesta nata dai genitori della scuola che devono poter entrare ed uscire in uno spazio sicuro. L’intervento è stato studiato anche tenendo conto di diverse segnalazioni critiche giunte dal territorio e, essendo urbanistica tattica, ha il vantaggio che è facilmente modificabile anche in corso d’opera. Nei prossimi giorni arriveranno panchine, vasi e gli altri elementi di arredo urbano. Sappiamo che è partita una raccolta di firme contro, incontreremo con Marco Granelli i proponenti di nuovo molto volentieri, come già fatto sapendo che, come in ogni progetto, non si possono accontentare tutti, ma tutti vanno ascoltati e i suggerimenti buoni ben integrati”.

L’apertura a discutere con i contestatori era già arrivata nella riunione pubblica convocata pochi giorni fa dal Comitato cittadini di via Rovereto, incontro al quale si era presentato l’assessore Granelli che aveva ascoltato le voci favorevoli e contrarie al nuovo intervento. Il Comitato, guidato da Salvatore Basile, aveva espresso molte perplessità, specialmente in merito alla “movida” notturna facilitata dalle nuove panchine e tavoli installati da Palazzo Marino. Proprio nelle scorse settimane si era reso necessario un intervento in forze dei carabinieri: tra i frequentatori notturni dell’area relax c’era chi girava armato di machete. Non proprio una situazione felice per chi vive in una via che aveva avuto il pregio di essere tranquilla. L’unica speranza di chi dissente è l’apertura a una nuova discussione pubblica, dove i cittadini potranno incontrare nuovamente i politici fautori degli interventi di urbanistica tattica. Noi abbiamo partecipato come moderatori al primo incontro, per questo motivo ci sentiamo impegnati con chi ci ha onorato dell’invito: per questo proponiamo un nuovo incontro, possibilmente con tutti e due gli assessori coinvolti nel progetto, per i primi giorni di ottobre. Più avanti sarebbe troppo tardi per apportare modifiche al progetto che è  sperimentale fino a fine anno. Questo genere di lavori infatti necessitano di un passaggio con la burocrazia pubblica, dunque serve tempo. Raccoglieranno l’invito Maran e Granelli?