Forza Italia, i mal di pancia escono su Facebook

Forza Italia, i mal di pancia escono su Facebook. Questa volta a far parlare di sé è Alessandro De Chirico, consigliere comunale, che pubblica un post durissimo contro Gianluca Comazzi, capogruppo degli azzurri in Consiglio regionale: “Il collega Comazzi non ha fatto un solo emendamento alla delibera sull’aumento del biglietto dell’ATM. E ha pure la faccia di bronzo di prendersi meriti non di certo suoi. Davvero un personaggio squallido!”. Comazzi qualche ora prima aveva postato la foto copertina di quest’articolo con il seguente testo: “ANIMALI GRATIS SU METRO, BUS, TRAM. Manca poco amici per l’approvazione della nostra proposta in Consiglio Comunale a Milano per far viaggiare gratis sull’intera rete e senza limiti di orario i nostri animali sui mezzi pubblici. Una grande battaglia di civiltà che da tanto tempo portiamo avanti. Un impegno che mi ero preso in campagna elettorale e che tra qualche giorno sarà approvato”.

Lo strappo non è passato inosservato. Giulio Gallera, assessore regionale al Welfare e uno dei pochi pezzi pesanti rimasti a Forza Italia, ha subito commentato: “Il confronto politico e la dialettica, soprattutto all’interno dello stesso partito, non può ne’ deve mai degenerare in insulti o trascendere sul piano personale PRENDO NETTAMENTE LE DISTANZE DA QUESTO POST E CENSURO IL COMPORTAMENTO DI ALESSANDRO”. Ed è solo uno dei primi commenti che si scatenano sulla pagina di De Chirico. Federico Benassati, Giampaolo Giorgio Berni Ferretti e tanti altri forzisti si impegnano in un confronto in cui si mischiano anche semplici militanti. Chi è a favore del post del consigliere e chi è contro come Gallera.

Quello che è certo è che in Forza Italia le cose non stanno andando bene, la tensione per il risultato elettorale si sente ancora. Le ultime dichiarazioni sulla possibilità di fondersi con la Lega non hanno migliorato le cose. Già una parte di forzisti pare aver conservato la vecchia simpatia tra Lega e Forza Italia forse proprio in visione di un trasferimento nelle fila di Salvini. In fondo proprio Milano potrebbe essere un test visto che un sogno di Matteo Salvini è sempre stato fare il sindaco di Milano. E i voti di molti forzisti potrebbero essere utili. Altri invece piuttosto preferiscono trasferirsi nel Pd rivendicando la stessa vecchia radice socialista e moderata. 

Come finirà intanto la disfida di De Chirico? Seguite la discussione cliccando QUI.