Fastweb, uno spiraglio per i 72 licenziati

Fastweb, uno spiraglio per i 72 licenziati. Il 25 giugno infatti i sindacati dovrebbero incontrare l’azienda per affrontare la situazione. Il trasferimento a Bari per molti equivarrebbe a un licenziamento di fatto: troppi i legami col territorio, i parenti e troppo difficile per chi è anche in gravidanza. Novecento chilometri sono troppi, dunque c’è uno spiraglio per i 72 licenziati. Fastweb in fondo è un’azienda che continua a investire, spende miliardi per nuove avventure e nuovi mercati finanziari. Dovrebbe poter trovare i fondi e i posti anche per queste persone, anche perché non si tratta di residenti in aree depresse del Paese. Anzi, per la maggior parte vivono tra Milano e Torino, due città in cui Fastweb ha una forte presenza. Per le famiglie di queste settanta due persone non resta che incrociare le dita e sperare, ma sicuramente è meglio avere uno spiraglio per i 72 licenziati di Fastweb.