cpr

De Corato (FdI): 50.000 stranieri molesti imperversano per la città

Fra i vari episodi di criminalità legati alla presenza di stranieri irregolari in città, il Senatore di Fratelli d’Italia Riccardo De Corato, ne stigmatizza un paio avvenuti negli ultimi giorni: l’aggressione da parte di un palestinese ad un addetto alle vendite del ristorante McDonald’s di via Farini e la rapina messa a segno da due […]

De Corato (FdI): 50.000 stranieri molesti imperversano per la città Leggi tutto »

Un positivo al CPR di via Corelli

Per un caso di un uomo trovato positivo al Covid due giorni fa, al Cpr di via Corelli sono stati bloccati i colloqui con gli avvocati, con grave conseguenze sul diritto di difesa. Così scrive il Naga, l’organizzazione di volontariato che presta assistenza socio sanitaria e si occupa dei diritti dei cittadini stranieri in una

Un positivo al CPR di via Corelli Leggi tutto »

Via Corelli. Osnato (FdI): struttura inadeguata allo scopo cui è destinata

“Lunedì pomeriggio, primo – così mi è stato riferito – parlamentare a farlo, ho svolto un sopralluogo nel Centro Permanente per i Rimpatri di via Corelli, per verificare le condizioni in cui vi operano le Forze dell’Ordine, lo stato della struttura, il trattamento riservato agli ospiti e il rispetto della convenzione da parte dell’ente gestore”.

Via Corelli. Osnato (FdI): struttura inadeguata allo scopo cui è destinata Leggi tutto »

Penalisti: nel CPR situazione esplosiva

Ricordando la giornata mondiale dei diritti umani la Camera Penale di Milano intende “denunciare ancora una volta la situazione di assoluta inadeguatezza dei Centri per il Rimpatrio dislocati su tutto il territorio nazionale ed in particolare quello di via Corelli a Milano”. Ed è per questo che i penalisti milanesi chiedono che “il signor Prefetto

Penalisti: nel CPR situazione esplosiva Leggi tutto »

Prima rivolta al Cpr di via Corelli

Prima rivolta al Cpr di via Corelli. “Dopo appena due settimane dalla sua inaugurazione, oggi la prima rivolta generata da una trentina di tunisini detenuti nel Cpr di via Corelli e pronti per essere rispediti nel loro Paese di origine, non avendo alcun diritto a rimanere in Italia. Questo è frutto anche delle ambigue dichiarazioni

Prima rivolta al Cpr di via Corelli Leggi tutto »