Piazza Baiamonti: rivolta green contro il Comune - Osservatore Meneghino

Piazza Baiamonti: rivolta green contro il Comune

Piazza Baiamonti: rivolta green contro il Comune. Lo avevano promesso e lo hanno fatto: il comitato di cittadini riunito nella sigla Baiamonti Verde Comune ha riaperto l’area verde transennata poco tempo fa dagli operai: i cittadini non vogliono lasciar deperire un’area in cui le cure dei privati avevano creato un giardinetto di quartiere. Dovrebbe essere sostituito dalla nuova “piramide” che completerebbe il disegno di una nuova Porta Nuova, ma i comitati che hanno fatto la fortuna di Pisapia ora fermano lo sviluppo del nuovo corso saliano. Così se Palazzo Marino si era deciso a chiudere con le catene il giardinetto, i residenti si sono decisi a tagliarle per poi annunciarlo urbi et orbi con felicità:

come annunciato, abbiamo liberato il Libero Giardino di Baiamonti!
bellissima giornata con una grande partecipazione dei cittadini. ci vediamo sabato prossimo per continuare a piantare le piante arrivate.
grazie a tutti!baiamonti

Fridays For Future Milano Lato B – l’altro lato di Milano Giardini in Transito – Giardino Comunitario Lea Garofalo Libera Milano Salviamo Benedetto Marcello Salviamo città studi Difendiamo Piazza d’Armi COMITATO BASTA ESONDAZIONI SEVESO Comitato Cittadini Per Piazza D’armi Parco Piazza d’armi Le Giardiniere, Milano Comitato La Goccia Trotto Bene Comune Difendiamo il Parco Trenno dalla Via d’acqua Difendisansiro Associazione Amici Parco Nord Tuteliamo il territorio della Zona 8 contro ogni crimine urbanistico BovisAttiva Progetto Lambrate No Asfalto Un AltroPiano x Milano MilanoX

Come reagirà ora Sala? Perché il sindaco è tanto legato ai poteri economici e politici di alto livello, tanto quanto all’immagine di uomo del popolo che cerca di costruire dall’epoca della visita di Evo Morales. Essendo qui vicini di quartiere potrebbero avere più speranza i cittadini? Non è detto perché i potenti gli sono vicini di casa. Sicuramente il tema politico che gli si presenta è interessante: scontentare in un colpo ricchi borghesi del centro e l’area dei centri sociali o chi paga i grandi eventi come Expo?